Come vivere certe notizie da uomo!

Venerdì 12 Dicembre 2008, ore 19 e qualcosa.
mmmh … no, io in palestra stasera non ci vado … ma figurati, mi sono alzato alle 5 anche stamani, la mattina è un freddo bestia … però mi fa bene, almeno faccio un po’ di esercizio …
No! Non ho proprio voglia, sto a casa.
Fil“Lauraaaaaa!!! io non ci vengo in palestra”
Lau
“Va bene, ma quando torno, prima mi faccio la doccia e poi si mangia, fino alle nove non si cena.”
E che problema c’è. Tanto, come al solito, stamani il Ballerini c’ha lasciato un vassoio di paste assortite, sono avanzate anche oggi pomeriggio … eppure se ne mangiano troppe di queste schifezze … però “le son boneee”.
Tanto mi metto al portatile a giocare con Ogame. Prima o poi Laura mi spara, quando ho un minuto vado a “controllare le flotte”, come dice lei. Ma è divertente, è buffo sapere che tanta gente vive una spece di vita parallela con aspirazioni da imperatore galattico virtuale. Almeno uno nella vita ha l’illusione di avere potere assoluto su qualcosa. In effetti se fossi Amministratore Delegato Unico del mondo cambierei molte cose.
Se mi candidassi sono convinto che qualcuno mi voterebbe … bah! Intanto guardiamo che cosa hanno combinato oggi i miei alleati …
Stessa sera, ore 20 e 30 … più o meno.
Lau – “Ciao, ti sei riposato?”
Fil “eh?! … sisi … senti, ma … dall’associazione non hanno detto nulla ancora?! Ma quando si riunisce la commissione? E’ ormai passato più di un mese … io non ne posso più di aspettare! Sono giorni che ormai aspettiamo una risposta!!!”
Lau – “Esagerato, la domanda s’è fatta il 10 (o l’11) di novembre, oggi è il 12 dicembre non è neppure un mese … ”
Fil – “Un mese un corno, domani sono 2 e visto che oggi gli uffici sono chiusi, praticamente è già domani … quindi ho detto bene : sono mesi che aspettiamo una risposta … o 2 o 100 non cambia, sempre mesi (plurale) sono!!”
Vacca boia non ne posso più, accidenti a me e quando ho detto sì a quella benedetta lista … tanto lo so che ci dicono di no, l’unica cosa che mi rincuora è che, comunque vada, quei bimbi troveranno una famiglia.
Squilla il telefono
Fil – “Rispondo io, vai a farti la doccia”
Lau – “Ok” (e sale le scale per andare in bagno n.d.r.)
Era meglio se rispondeva lei, tanto a quest’ora di solito e la su’mamma …
Fil “Pronto?!”
Tel – “Ciao Filippo, sono Silvia dei 5 pani”
Oddio e questa ora che vuole? sono le 9 … di solito sono le brutte notizie che volano …
Fil – “Ciao Silvia dimmi …” (da ora in poi tutta la conversazione è presunta, poichè persi il ben dell’intelletto n.d.r.)
Sil
“Senti, ci sarebbero due notizie, una bella e una brutta, quale vuoi prima?”
Fil – “Ovviamente quella brutta, così poi mi posso ripigliare …”
Sil – “Quella brutta è che il MIMDES vi ha rifiutato l’abbinamento con i due bambini della lista … ”
Fil – “Vabbè, comunque sono stati assegnati ad una famiglia vero?!”
Sil – “Si, questo di sicuro …”
Fil “Ci si aspettava, ci si riproverà la prossima volta”
Sil – “Ma non vuoi sapere la bella notizia?!”
Fil – “… si … certo …”
Sil “Vi hanno dato un abbinamento …”
Fil “…”
Maremmaimpestatacane, losochecosavuoldire manonhoilcoraggiodicredereaquellochestopensando, oddiooddiooddiooddio
Sil – “Filippo ci sei?”
Fil – “Si, ma non credo di aver capito cosa vuol dire”
BRAVO! bella figura di m..da, 3 anni di corsi e controcorsi e non sai cos’è un abbinamento, ottima scelta!
Sil – “Che c’è una bambina di un anno e 4 mesi che vi aspetta …”
Fil “mah … brhh .. ghua .. he he .. ho …”
mi si è scollegato il cervello dalla lingua
Sil – “Filippo, stai calmo. C’è anche Laura?”
Fil – “sscii! Lauraaaaaa!!!”
che è tutto questo bagnato … ah so’ io che piango
Fil – “Lauraaaaa!!!! Parlaci teeee che io un capisco più nulla!!!”
Buio

Filippo Fiani

About Filippo Fiani

il babbo

3 responses to “Come vivere certe notizie da uomo!

  1. Annalisa

    Cari Filippo e Laura,
    sento di scrivervi adesso, a poche ore ormai dalla partenza per il Perù.
    Da quando ci avete telefonato per dirci l’incredibile notizia vi penso almeno una volta al giorno.
    Tutto questo, voi e quello che state per andare a fare, ha dato al mio Natale il sapore del senso, il senso che appartiene all’unica sola verità che ci lega tutti quanti nel profondo in questo stupendo e tremendo mondo. Riesco a percepire, anche se in parte, il turbinio delle domande che si affollano nel cuore, nella mente. Ti senti chiamato, ti senti scelto e dici ma…siamo sicuri…sono proprio io? Lo sento fino nelle viscere che è per me…ma…e se mi sbagliassi? Sono io che voglio vederlo perché lo desidero come desidero questa vita oppure è quello che mi è stato riservato…solo per me, per nessun altro, solo per me? E invece poi scopri che i tuoi desideri vanno proprio in quella direzione, forse corretti un pochino……… un po’ più da quella parte……..sì anche da quell’altra….
    (perché se no poi sarebbe troppo facile!?!?!)……………alla fine… dove tutto coincide!
    Caspita!!! E non ci credi mica…!!!
    Lì, in quel punto, tutte le contraddizioni sembrano sciogliersi con il loro contrario e allora, non che riesci a trovare le motivazioni…ma riesci a sentire…e non hai più bisogno di dover vedere!
    Così provi tenerezza voltandoti indietro, verso quel procedere qualche volta a tentoni.
    E scopri di aver amato.
    Questo ti dà una forza incommensurabile, ti dà la prova di essere dentro a quel senso,di esserne parte.
    Perciò niente può essere invano, niente può essere al di fuori di te, tutto può essere raccolto in te.
    In fondo siamo stati creati a Sua immagine…e vide che era cosa molto buona.
    Quando la patina del dubbio un po’ si assottiglia senti che davvero le tue fragilità diventano una ricchezza sbalorditiva nelle mani di Dio.
    Tutte le amarezze, le frustrazioni, le delusioni che ti hanno segnato in realtà ti hanno reso così partecipe al mistero che non hai potuto rendertene conto proprio perché ne eri così addentro da non poterlo cogliere.
    Poi però, quando te ne accorgi, la tua vita acquista un significato che non avresti mai sperato e mai preteso. Hai tra le mani, “tra le braccia” qualcosa di unico per te e per chi hai deciso che debba essere con te in questo mare infinito.
    Ti viene data la possibilità di salvare la vita, di poter essere chiamato colui che salva, di essere elevato ad attributo di Dio.
    E il tuo sì diventa atto creatore.
    Avete “tra le braccia” la scommessa della vostra vita e non posso che augurarvi di farne lo splendore che so volete che diventi.
    Quindi, con l’emozione in gola, vi auguro buon viaggio e buon incontro.
    Che Dio vi benedica.

  2. Zia Lella

    Ho visto la piccola maria e devo dire che è proprio bella e simpatica…ma che dico…
    comunque sia è sempre la vostra stupenda bambina….e la mia nipotina.
    CORRETE A PRENDERLA!!!
    Buon anno e buon soggiorno oltre oceano!!!

  3. Paolo Fiani

    Ora mancasolo che possa far presto ad arrivare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: